sabato 31 marzo 2018

FORSE IL PEGGIO DEVE ANCORA ARRIVARE



Il PD ha perso le elezioni, non c'è il minimo dubbio. 

Ma rischia di perdere anche la faccia e forse anche altro, se non esce dall'angolo nel quale si è rintanato e dimostra al Paese la sua utilità attuale, che potrebbe essere ancora molto alta.

I Cinquestelle e la coalizione di destra hanno avuto indubbiamente un notevole successo elettorale, ma non hanno vinto, e non sono in condizione di governare: da soli non hanno i numeri, ed è altamente improbabile che riescano a mettersi insieme.

In primo luogo, perché i Cinquestelle, che, come primo partito in parlamento dovrebbero indicare la rotta da seguire, discutendola pubblicamente con gli eventuali alleati, continuano a indicare il nome di Di Maio come possibile Presidente del Consiglio, che raccoglie solo il loro consenso, e non dicono nulla di apprezzabile su un possibile programma di governo, che non può essere la replica del loro programma elettorale, infarcito di promesse demagogiche.

In secondo luogo, perché pare che la coalizione di destra abbia più motivi per dividersi che per stare insieme: è a trazione Lega, e Salvini è quello che più appare, ma Forza Italia, che è totalmente indigeribile per i Cinquestelle, intende giocare una partita in proprio a favore del Berlusconi politico e imprenditore. Infatti, alle consultazioni da Mattarella non andrà la coalizione, ma i singoli partiti.

Del resto, l'attuale legge elettorale, prevalentemente proporzionale, enfatizza il ruolo dei singoli partiti e deprime quello delle coalizioni. Così inspiegabilmente la volle la vecchia maggioranza guidata da Renzi.
Non si sta delineando all'orizzonte quindi nessuna nuova maggioranza, fino ad oggi.

L'elezione dei presidenti delle Camere e di tutte le altre cariche istituzionali non comporta accordi nella logica dei rapporti tra maggioranze e opposizioni, quindi non fa testo. Balza all'occhio comunque la bulimia di Cinquestelle e Lega, che induce a pensare che sia in atto una pessima occupazione delle Istituzioni, persino peggiore di quella del vecchio ceto politico, il che sta a indicare una debolezza politica pericolosa per il Paese, a causa degli squilibri che sta generando.

Ma balza all'occhio anche la decisione del PD di ritrarsi da qualsiasi discussione sul futuro dell'Italia, come se non contasse nulla il fatto che è il secondo partito uscito dalle urne.

Noi siamo all'opposizione”, hanno detto immediatamente, mostrando, senza che fosse richiesto, tutte le ferite elettorali di un gruppo dirigente bloccato e depresso, più che offeso dai continui insulti ricevuti.

All'opposizione di chi, di che cosa, visto che una maggioranza ancora non c'è e probabilmente non ci sarà?
Non hanno nemmeno fatto un'analisi seria del voto, quindi ufficialmente non sanno nulla del Paese emerso dalle urne, di un Paese con divisioni territoriali profonde e pericolose, preda di inaccettabili ingiustizie e diseguaglianze, di rabbia e paure troppo enfatizzate, che oscurano completamente la condizione
di   oggettivo  privilegio  nel quale  nonostante tutto ancora  si  trova  (sarebbe  consigliabile consultare un recentissimo studio di Bankitalia su PIL "Il contributo della demografia alla crescita economica: duecento anni di storia italiana") in un mondo pieno di tensioni reali, di guerre, e di carestie rovinose.
E hanno già detto “noi siamo all'opposizione”, con pochi distinguo mormorati solo a mezza bocca.

All'opposizione di chi, di che cosa, torno a ripetere. Non si rendono conto dei ridicoli paradossi nei quali si sono cacciati? Siccome una maggioranza non c'è, l'idea che diffondono è quella di avere la speranza che si formi l'unica maggioranza possibile senza il PD: una maggioranza di Cinquestelle e Lega, con l'aggiunta di qualcun altro della destra, una maggioranza di blocchi contrapposti, che non stanno insieme nemmeno col vinavil, e che sarebbe esiziale per tutte le persone che hanno un po' di buon senso, come ce ne sono ancora in Italia e in Europa.

È questa la speranza dei dirigenti del PD? 

Leggo sui giornali che il capogruppo del PD al Senato, Andrea Marcucci, avrebbe espresso il seguente pensiero: “Non vedo l'ora che giuri un governo Di Maio – Salvini”.

Caspita! Ma dove vanno a prenderli simili brillanti pensatori? 

Sull'ineffabile Facebook? La speranza che si affermi il “tanto peggio, tanto meglio”, vale a dire che ciò che sarebbe il peggio per l'Italia sarebbe il meglio per il PD.

Se è questa la loro speranza - e se non lo è, sarebbe consigliabile che lo dichiarassero invitando Marcucci a ripassarsi la lezione – avrebbero deciso di mettersi contro l'interesse reale del Paese, che dicono invece di avere a cuore.

E non si trincerino dietro la volontà dell'elettorato. L'elettorato non ha dato a nessuno maggioranze precostituite, quindi niente alibi.

Non è il momento di stare sulla riva del fiume in attesa dei cadaveri dei nemici, come sembra volere l'inscalfibile blocco renziano alla ricerca di rivincite per sé, solo per sé: un gioco che si compie sulla pelle di quella parte del Paese che si aspetta che il secondo suo partito si comporti come una forza adulta in grado di avanzare proposte di governo, meglio delle altre forze che sono state elette in Parlamento, e di costruire le condizioni perché vengano accettate.

Sbloccarsi insomma, uscire dall'inferno della depressione, dei veti e dei ricatti al proprio interno, uscire dalla sindrome degli "incompresi e stizziti".

Infatti, la logica stringente della politica dice, anzi urla, proprio questo al secondo partito d'Italia: o vi liberate al vostro interno dai condizionamenti perniciosi di chi vi ha portato alla sconfitta elettorale, portando al partito aria e linfa nuove, e facendo emergere un po' di coraggio e generosità, o il Paese si libererà di voi, come foste ciabatte inutili, venendo a scovarvi ovunque, anche se vi nasconderete all'opposizione.

Forse il peggio deve ancora arrivare, se qualcuno pensa ad altre elezioni ravvicinate.

E noi democratici, che abbiamo ancora un qualche orizzonte comune davanti agli occhi, e vorremmo raggiungerlo senza metterci nelle mani dei populisti, di destra o di sinistra, dovremo per forza ripartire dall'anno zero.

LANFRANCO SCALVENZI




Articolo sullo Studio di Bankitalia sul PIL
Senza figli il PIL non cresce gli immigrati non bastano più.
Di Rosaria Amato




venerdì 2 marzo 2018

Politica, campagna elettorale, votare, non votare - Un vecchio filmato di 3 minuti sulla politica e sul voto





La campagna elettorale 2018 è praticamente finita.
È stata una brutta campagna elettorale, qualcuno dice una delle più brutte della storia repubblicana.

Abbiamo sentito di tutto e di più e soprattutto è stata una campagna elettorale che ha esasperato le contrapposizioni, cosa di cui l’Italia e i suoi cittadini non avevano bisogno.
Ancora una volta moltissimi politici hanno parlato alla pancia dei cittadini, hanno fatto del populismo facendo promesse che sono oggettivamente inattuabili. 
E, almeno apparentemente, molti cittadini sembrano credere a queste promesse.

Ma ormai è inutile parlarne e non ci resta che aspettare lo spoglio dei voti sperando in un risultato che permetta di governare il paese e non determini gravi situazioni di stallo.

Chiudiamo questo breve commento rivolgendoci a chi ha deciso di non votare o è ancora dubbioso in merito.

Secondo le previsioni il numero di chi pensa di astenersi dal voto si aggirerebbe tra i 10 e i 13 milioni di persone mentre gli indecisi, coloro che forse potrebbero scegliere di recarsi alle urne, sarebbero 3/ 4 milioni.

Un numero spaventoso che forse rappresenta il NON partito più grande.
Noi capiamo benissimo data la situazione che moltissimi si sentano traditi dalla politica e dai politici ma riteniamo che comunque questa scelta non sia la migliore, anzi che sia sbagliata.
Invitiamo tutte queste persone a vedere il seguente breve filmato nel quale Roberto Benigni parla della politica e della sua importanza.







giovedì 1 marzo 2018

Il capro espiatorio



Riprendiamo un articolo da La Repubblica
"LA PARALISI BIANCA E LUOMO NERO"
 di Paolo Rumiz




Bologna stazione, ore 15. Visione caleidoscopica di un Paese in tilt. Freccerosse in ritardo di tre, quattrocento minuti. 
Tabelloni elettronici assurdi, che mostrano i treni delle 10 del mattino ma non quelli in arrivo imminente. Annunci sonori automatici resi incomprensibili dal frastuono del pubblico posseduto da un frenetico andirivieni. Nessuna voce autorevole che spieghi cosa accade e indirizzi i passeggeri. Scale mobili prese d’assalto. Fiumane che salgono e scendono negli inferi dell’alta velocità. Impossibile sedersi, alcune donne anziane piangono. Fuori fa freddo, e la sala d’aspetto è strapiena. E meno male che c’è, oggi che in Italia si paga anche per la pipì.

La stazione di Bologna è un purgatorio dove regna un sottomesso silenzio. Nessuno impreca. Comunicazione interpersonale zero. Tutti sono chini sugli smartphone, ciascuno per conto suo, separatamente in cerca di vie d’uscita alternative. E intanto, nei corridoi sotterranei, ecco la visione surreale di cinque uomini in mimetica che, anziché soccorrere i naufraghi delle “frecce”, attorniano armati uno straniero di pelle scura che cerca nella giacca documenti che verosimilmente non ha.
Passano dei ragazzi con zaini, deridono il “clandestino”, e la forza pubblica non reagisce. Mai mi è apparsa più chiara la funzione del capro espiatorio. In assenza di soluzioni, serve a sfogare sull’alieno la rabbia della gente.

Vent’anni fa sarebbe stata la rivoluzione. Oggi niente. Perché? Come mai questo Paese taglieggiato dalle camorre, desertificato dalla grande distribuzione, saccheggiato dalle banche, bastonato dalle tasse, espropriato degli spazi pubblici e delle certezze sindacali, come mai questa Italia derubata del futuro, che va in crisi per una nevicata, che si lascia togliere persino la libertà democratica delle preferenze elettorali, che vede i suoi figli sedati fin da piccoli dalle playstation e poi costretti, da grandi, a emigrare per sfamarsi, magari facendo i camerieri con una laurea in tasca, come mai un Paese simile, anziché fare la rivoluzione, diventa razzista?

La risposta è di un’ovvietà elementare. Esiste un legame strettissimo tra la nullità di una classe dirigente e il rialzarsi della tensione etnica. Quando i reggitori non sanno dare risposte alla gente, le offrono nemici. Funziona sempre, perché l’uomo nero da detestare abita in ciascuno di noi. I media lo sanno, e ci campano. I social figurarsi. Accusare il “forestiero” impedisce di pensare ai nemici interni e assolve la comunità “autoctona” dall’obbligo morale di interrogarsi sui propri errori. È così da secoli. La dissoluzione della Jugoslavia insegna. Dopo aver saccheggiato il paese, la dirigenza post-comunista, per non pagare il conto, ha scagliato serbi contro croati e quel che segue. Ammazzatevi tra voi, pezzi di imbecilli.

Che c’entra la Jugoslavia? C’entra eccome. È stata il primo segno di una malattia che oggi sta contagiando l’Unione europea e si chiama balcanizzazione. Che significa: trasferimento sul piano etnico di una tensione politica e sociale che altrimenti spazzerebbe via i responsabili della crisi, i ladri e i loro cortigiani. Lo sta facendo Erdogan, evocando nemici a destra e a manca. Lo ha fatto Trump per spuntarla alle elezioni. Lo ha fatto Theresa May che ora non sa come gestire il risultato – Brexit – di un voto da cui non pensava di uscire vittoriosa. Lo fanno i Catalani chiedendo di separarsi da Madrid. Gli vanno dietro i populisti austriaci pianificando reticolati al Brennero. Per non parlare dei belgi di lingua olandese e francese che si guardano a muso duro sotto le vetrate del palazzo dell’Ue a Bruxelles. Impotenza, mascherata di patriottismo.


Viviamo un momento drammaticamente complesso segnato dal tema immigrazione. Ne siamo sommersi e non sappiamo come gestirla. Non lo sanno nemmeno quelli che l’hanno messa in moto per avere lavoratori a basso costo. Volevano manodopera, e invece gli hanno mandato degli uomini. Non era previsto. Uomini che fanno figli e cercano la felicità. E allora ecco la pensata: trasformare l’immigrato in parafulmine, per farla franca. Farne un tema elettorale, semplificare la complessità, depistare la tensione su altri obiettivi, speculare sul naturale spaesamento e le nostalgie identitarie dei più deboli in una società globale che emargina ed esclude. Chi fomenta odio razziale, con o senza il rosario, non si limita a evocare tragici fantasmi di ieri, ma è anche complice dei ladri che costringono i nostri figli a emigrare. Li copre. Con la pressione etnica aiuta i caporali ad abbassare il costo del lavoro e l’economia illegale a campare di schiavi nei campi di pomodori. È così ovvio, benedetto Iddio. Ma allora perché i cosiddetti democratici, salvo poche eccezioni, non ne parlano? Per paura dei sondaggi? Per non andare contro il senso comune di una minoranza urlante?

Un giorno, presto o tardi, vi sarà imputato di avere taciuto. Perché anche dalla vostra pusillanimità discende l’osceno silenzio che nei treni e sugli autobus avvolge e lascia impunito chi, in questa vigilia elettorale, tuona contro l’uomo nero. È questo silenzio che ferisce e offende, più ancora del razzismo. Eppure sarebbe così facile svelare il trucco; dire che, un secolo fa, dicevano di noi italiani in America le stesse cose che oggi noi diciamo dei forestieri in Italia (leggi). E cioè che fanno troppi figli, rubano il lavoro alla gente, portano criminalità e malattie. Per mio nonno è stato così, a otto anni ha attraversato l’oceano da solo, per fame. Minore non accompagnato. Varrebbe la pena ricordarlo. Anche perché sono le stesse cose che, forse, altri Paesi diranno, domani, dei nostri figli.