martedì 10 dicembre 2013

Legge elettorale e governabilità

Gli italiani si rassegnino: quale che sia la legge elettorale che prima o poi sarà partorita dal Parlamento, l’Italia sarà comunque un paese difficile da governare. Certo, la forma elettorale ha la sua importanza, ma essa nulla può di fronte al personalismo dei politici e della classe dirigente del Paese.


Se anche venisse ideato il meccanismo perfetto della rappresentanza in Parlamento, è poi la volontà degli uomini a realizzare le cose, mandare avanti l’economia e gestire la complessità sociale.
Dalla prima riforma elettorale per eccellenza, cioè quella del 1848 istitutiva – con la concessione dello Statuto Albertino – della Camera dei Deputati, si sono avvicendate almeno una quindicina di leggi sulla selezione dei parlamentari.